Sviluppo Rurale e Fisco in agricoltura

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Rispondi all’argomento Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ]

società di comodo e società agricole

Autore Messaggio

wfaggio

Iscritto il: 18/05/2010, 10:49
Messaggi: 155

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

ammettiamo che alcuni parenti o amici vogliano fare una società agricola : costituiscono una srl oppure una cooperativa – qualcuno di loro è già IAP con tutta la documentazione a posto – tutti versano denaro fresco- al momento dell’acquisto dei terreni potranno eventualmente usufruire delle agevolazioni per IAP e eventuali terreni montani ect – acquistano degli ettari di bosco e seminativo a prezzi correnti di mercato (quindi abbastanza alti in italia) – pagano le loro tasse di registro – optano per il regime di tassazione catastale (determinazione forfettaria del reddito) – iniziano ad operare vendendo fieno sui seminativi e tagliando un po di bosco (come da norme nazionali e locali) ovviamente la resa, il rendimento dei ricavi in percentuale al valore pagato per i terreni è minimo – l’agenzia delle entrate potrebbe contestare dopo due anni la società come società di comodo perchè non supere i ricavi minimi in % sul valore dei terreni posseduti – si decide di fare interpello per chiedere la disapplicazione della legge sulle società di comodo – stando al buon cuore degll’agenzia delle entrate???

ma siamo sicuri??? in italia un seminativo in pianura costa dai 30 ai 70’0000 eur /ha secondo la legge delle società di comodo dovrebbe rendere COME MINIMO IL 15% cioè un ettaro dovrebbe far ricavare come minimo dai 4’500 eur/ha annui in su!!! ma scherziamo!!!

in questo modo mi sembra praticamente impossibile fare società agricole “nuove” ??? o sbaglio???

 
21/05/2012, 15:25 Profilo
http://www.forumdiagraria.org/
http://www.forumdiagraria.org/

marcoto

Iscritto il: 12/03/2012, 17:23
Messaggi: 4
Località: Piemonte
Formazione: laurea vecchio stile

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

la normativa in materia di società di comodo non viene applicata alle az agricole.
ciao

_________________Yes i’m a IAP

06/07/2012, 17:57 Profilo
http://www.forumdiagraria.org/

wfaggio

Iscritto il: 18/05/2010, 10:49
Messaggi: 155

 

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

dicono che alle srl agricole si applica !!! qualcuno suggerisce anche di costituire la società e fare subito interpello all’agenzia dell’entrate per chiedere la disapplicazione della norma stessa!!!

12/10/2012, 19:42 Profilo
http://www.forumdiagraria.org/

Apprendo

Iscritto il: 13/10/2011, 12:23
Messaggi: 643

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

Come ha ben detto marcoto la normativa riguardante le società di comodo non si applica alle società agricole perché rientrano fra i casi di disapplicazione automatica (Agenzia delle Entrate, provvedimento dell’11/06/2012:

http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Sole … 6f4a85f5b7

)

 

Saluti

14/10/2012, 15:39 Profilo
http://www.forumdiagraria.org/

wfaggio

Iscritto il: 18/05/2010, 10:49
Messaggi: 155

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

da

http://www.fiscooggi.it/normativa-e-pra … i-vitalitacito

“La normativa delle società di comodo abbraccia anche quelle agricole. Queste ultime, infatti, non godono di alcuna causa di esclusione o disapplicazione automatica della disciplina. Il chiarimento è arrivato con la circolare n. 50/E del 1° ottobre, con cui l’Agenzia delle Entrate effettua una panoramica sulle disposizioni che hanno aperto le porte della determinazione catastale del reddito alle società di persone, alle srl e alle cooperative che svolgono in via esclusiva attività agricola.

Società agricola “di comodo”

 

Come anticipato, le società agricole sono chiamate ad “affrontare” il test di operatività. Per quante non lo superassero resta, ovviamente, aperta la strada dell’interpello disapplicativo, con il quale possono essere fatte valere motivazioni, oggettive e documentate, alla base della “bocciatura”.

L’Agenzia ha chiarito che con l’interpello può esser chiesta la disapplicazione dall’obbligo di dichiarare il “reddito minimo”, facendo valere la circostanza per cui l’esercizio dell’opzione determina un risultato più basso. In tale caso, però, anche se l’istanza venisse accolta, resterebbe fermo l’assoggettamento alla determinazione del reddito minimo Irap e alle limitazione stabilite ai fini Iva.”

a parte le leggi ma nell’operatività c’è qualcuno che ha srl agricola a cui è stato contestata la non operatività???

14/10/2012, 23:09 Profilo
http://www.forumdiagraria.org/

wfaggio

Iscritto il: 18/05/2010, 10:49
Messaggi: 155

http://www.forumdiagraria.org/

Rispondi citando

chiedo scuso leggo solo ora la data del provvedimento dell’agenzia dell’entrate – chiaramente questo cambio tutto perchè fino al 11 giugno la convivenza tra srl agricole e società di comodo era tutto fuorche facile

14/10/2012, 23:47 Profilo
Rispondi all’argomento Pagina 1 di 1 [ 6 messaggi ]

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Source

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto   dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.   Per richiedere la rimozione degli articoli clicca qui.    

Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza

------------------------------

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

 "prestito antiusura e fondo salva casa"

Operativi su tutto territorio Italiano

Cerca e consulta articoli.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
adessonews

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: